Altre destinazioni

a due passi da casa... 

Dal nostro agriturismo si può spostarsi verso il Santuario dei SS. Vittore e Corona patroni di Feltre, oppure visitare il Museo etnogafico di Seravellla o il Museo della bicicletta a Cesiomaggiore

 

DA ARSON A SANTA EUROSIA

La Chiesa di Santa Eurosia e San Giovanni Battista in Val di Canzoi può essere raggiunta attraversando il paese di Arson in direzione sud-est, al primo bivio girando a sinistra in direzione Montagne di Cesiomaggiore.
A quindici minuti da Arson, si prende sulla sinistra un tracciato decisamente interessante, nella quale alcuni studiosi riconoscono l'antica strada militare romana Claudia Augusta Altinate.
Un muro a secco, ricoperto da muschi felci ed edere, introduce alla piazzetta di Montagne, che ospita un lavatoio e una fontana in pietra di notevoli dimensioni.
Vale sicuramente la pena di addentrarsi tra i vicoli del borgo, per apprezzare le architetture rustiche delle abitazioni e magari scambiare qualche parola con i pochi residenti.
Oltrepassata la piazzetta del borgo, si prosegue per circa 250 metri lungo la mulattiera e si affronta il sentiero che, con alcune svolte, discende il pendio boscoso e raggiunge la Val Canzoi, importante via di accesso al Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi: quì, nei pressi dell'abitato di Le Ave, sorge la chiesetta di Sant'Eurosia.
Il paesaggio circostante è caratterizzato dalla presenza del torrente Caorame e da una vegetazione ripariale a dominanza di ontano bianco e salici.
Si colgono peraltro numerosi segni dei tempi in cui la valle era densamente popolata e frequentata per il taglio del bosco, lo sfalcio, la produzione di calce e carbone.
Al piccolo edificio di culto si può pervenire direttamente imboccando a Soranzén (Cesiomaggiore) la strada asfaltata che percorre la Val Canzoi.

(tratto da Chiesette Pedemontane di L.Bortolas e T. Conte)

 

DA FOEN AD ALTIN

Partendo da Foen si procede dirigendosi verso Cesiomaggiore seguendo la strada asfaltata.
Prima di lasciare il paese, sulla sinistra troviamo la chiesa parrocchiale di S. Pietro Apostolo.
Si continua fino ad un bivio, dove si imboccca la strada che inizia a salire sulla sinistra con indicazione Vignui, da cui si può fruire di una bella visione sul paesaggio agrario della piana con prati, piccoli campi e un filare di gelsi capitozzati.
Dopo un paio di tornanti si scorge una sterrata che sulla sinistra si inoltra nel bosco, nel senso opposto al quale siamo arrivati.
Il bosco nella sua prima parte è piuttosto fitto, poi, poco alla volta, si apre dando spazio ad ampie radure verdi sulla sinistra.
Questa strada bianca, la cui ripidità diminuisce progressivamente mano mano che si procede, ci porta al paese di Altin, un borgo rurale la cui vista inaspettata ci proietta nel tempo passato.
Si imbocca la strada che scende a sinistra, osservando la chiesetta e, a destra, un boschetto che un tempo veniva utilizzato quale impianto di uccellagione.
In breve tempo si raggiungono le Case Rosse dove, lungo la strada asfaltata dalla quale si aprono interessanti vedute panoramiche, si raggiunge nuovamente Foen.

 

 
Agriturismo Meneguz 2007-2009 - p.iva 00578320251 - powered by FlyWeb using Joomla